Privacy Policy Contesto come farmaco: alcune conseguenze della ricerca placebo per le cure primarie

PLACEBO AND THE NEW PHYSIOLOGY OF THE DOCTOR-PATIENT RELATIONSHIP

(Placebo e la nuova fisiologia della relazione specialista-paziente)

Fabrizio Benedetti, Department of Neuroscience, University of Turin Medical School, and National Institute of Neuroscience,  Turin, Italy

La medicina moderna ha avuto progressi in parallelo alla biochimica, all’anatomia, e alla fisiologia.
Grazie all’utilizzo di strumenti propri della medicina moderna, i medici oggi possono trattare e prevenire un elevato numero di patologie mediante interventi farmacologici, fisici e genetici.
Ma accanto a ciò che è prettamente legato all’area medica, la mente, la sfera cognitiva, e le emozioni del paziente giocano un ruolo equivalente in tutti gli outcome terapeutici, come è rivelato da diverse discipline (es. psiconeuroendocrinoimmunologia).

Questa revisione mostra risultati recenti che danno valore scientifico al vecchio principio per il quale il paziente deve essere sia preso in cura che preso in carico. Oggi infatti possediamo le conoscenze necessarie per investigare fenomeni psicologici complessi, come gli effetti placebo e la relazione terapista-paziente, con un approccio fisiologico e neuroscientifico. Questo groviglio di fattori psicologici può essere districato attraverso la biochimica, l’anatomia, e la fisiologia, eliminando così la vecchia dicotomia fra ciò che è biologico e ciò che è psicologico.
E’ un’impresa sia biomedica che filosofica, che sta cambiando il modo in cui noi ci approcciamo e interpretiamo la medicina e la biologia umana. Curare la patologia da sola non è sufficiente, perché la presa in carico del paziente su più aspetti è di fondamentale importanza, e il dibattito filosofico riguardo le interazioni tra mente e corpo può trovare alcune risposte importanti nello studio dell’effetto placebo. Perciò, forse paradossalmente, l’effetto placebo e la relazione terapista-paziente possono essere approcciati usando gli stessi strumenti biochimici, cellulari e fisiologici propri della materia medica. Ciò  rappresenta una transizione epocale da concetti generali come la suggestionabilità e il potere della mente verso la vera fisiologia della relazione terapista-paziente.

 

Nell’articolo potrai trovare:

  1. Che cos’è la risposta placebo?
  2. Che cosa si intende per relazione terapista-paziente?
  3. Meccanismi neurofisiologici coinvolti nell’interazione fra specialista e paziente
  4. Classificazione basata sul meccanismo delle risposte placebo
  5. Classificazione basata sulle risposte placebo all’interno della patologia
  6. Nuovi concetti che emergono dai recenti approfondimenti sulla fisiologia degli effetti placebo
  7. Svelare gli effetti placebo: un bene per la scienza e un male per la società?

Benedetti, Fabrizio. Placebo and the New Physiology of the Doctor-Patient Relationship. Physiol Rev 93: 1207–1246, 2013; doi:10.1152/physrev.00043.2012.

 

 

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. 
Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.

FISIOEMME SRL
Via Emilia All’Ospizio 118
42122 Reggio Emilia
P. IVA 02468440355
sede di Rubiera
Komodo
via per S. Faustino, 5
42048 Rubiera RE

FISIOEMME SRL
Via Emilia All’Ospizio 118
42122 Reggio Emilia
P.IVA 02468440356

sede di Rubiera
Komodo
via per S. Faustino, 5
42048 Rubiera RE

 

 

Il libro-guida che ti fornisce un metodo per superare ildolore cronico

Inserisci nome ed email per scaricare le prime pagine

Buona lettura!