Kinesiterapia

La rieducazione funzionale motoria prevede la mobilizzazione dei diversi distretti corporei al fine di recuperare la completa articolarità; inoltre si avvale dell’uso di tecniche ed esercizi di rinforzo muscolare per migliorarne la tonicità.
Nel primo caso, il fisioterapista applica delle tecniche sul paziente che le subisce senza alcuna partecipazione motoria volontaria, se non sul piano propriocettivo; nel secondo caso, è proprio il paziente che agisce attivamente e che mette in pratica gli esercizi consigliati dal fisioterapista. Durante l’esecuzione degli esercizi si possono usare degli ausili che facilitano il movimento o lo rendono più difficile, a seconda dello scopo che vogliamo raggiungere (elastici, bastoni, carrucole, tappetini, palloni, cyclette, tapis-roulant, riabilitatore, ruota dei Lapidari ect.). È comunque indispensabile, soprattutto nella kinesi passiva, che il fisioterapista conosca bene le strutture anatomiche su cui si lavora e le risposte che queste possono dare.

Terapia manuale

Terapia strumentale

Traumatologia dello sport

Traumatologia della strada

Kinesiterapia

Ginnastiche mediche